Ombre e visioni di una sera di fine Novembre

notte

Ombre e visioni di una sera di fine Novembre.

In questi giorni mi capita spesso di fermarmi perché un’immagine, un’ombra, una visione è apparsa nella mia mente.  Di solito bussa con energica insistenza. Così, quando arriva, devo filtrarla e scriverla. Esattamente questo è accaduto con ciò che segue. Lo condivido con voi, sapendo che quelle due donne saranno riconoscibili a molti.

Visioni

Vedo una donna anziana, seduta, che attende alla fermata dell’autobus.

Notte di Novembre. Preludio d’inverno. I mesi più freddi della mia vita.

I suoi occhi, sollevandosi su di me, mi rasserenano. Lo fanno da quando esisto. Vi leggo però preoccupazione. Quella saggia di chi, la vita, la conosce, l’ha vista e vissuta. Un brivido gelido mi attraversa e non posso non amarla più quanto sia pensabile amare.

Ancora non son stati pronunciati verdetti o giudizi.

Ombre

Non riesco a non sentirmi in colpa. Non ho compreso. Distratta dalla felicità, non ho colto gli indizi. Eppure erano tanti. Sarà un peso da accettare e sopportare in futuro.

Sera di fine Novembre

Mi siedo accanto a lei. Non me ne vado più. Tornata per sempre, ti prego in cuor mio, di non andartene. Non abbandonarmi. Non serve te lo dica, lo sai, lo senti. Non lo farai, mai. Anche quando, dopo giorni lunghi un sospiro, smetterai di respirare.

Prendo le tue mani piegate dagli anni tra le mie.

Le bacio, riconoscente.

La forza di quelle mani che lamentavi deboli ed insensibili col tempo, non risiede nella fisica, ma nella potenza del loro sconfinato spirito. A loro torno. Son loro che stringo mentre ti cerco, e trovo, tra i miei fantasmi buoni. Son loro che percepisco quando ho voglia di vomitare. Loro si posano sulla mia fronte, come gocce fresche che alleviano la febbre.

Quella sera eravamo due donne alla fermata del bus. Aspettavamo. Salivamo sul tram del futuro con destinazione ignota. Speravamo andasse in un senso. Deviò verso l’altro.

Tu sapevi. Io non volevo intendere.

Due donne nella notte, scendono mano nella mano e, forti solo del loro amore, tornano a casa.

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. Un fiume di emozioni che, in questo momento, servono più che mai ♥️

    1. Un fiume in piena!
      Buona giornata Alessia.

  2. Mi sono lasciata travolgere da questa ondata di emozioni … sono stata catturata dall’inizio alla fine 💓💓💓 bravissima Roby 😍😍😍

    1. Ne ero certa.
      Ti abbraccio forte.

Lascia un commento

Chiudi il menu