Tempo di bilanci e clessidre

Clessidra

Cari amici,

mi suggeriscono dalla regia che l’anno volge al termine ed è inesorabilmente tempo di bilanci e clessidre.

Sì, tranquilli, non sono impazzita.  Perché di questo si tratta, di tempo che scorre, sabbia che cade e granelli che scivolano via segnando una fine, sperando che qualcuno giri la clessidra generando un nuovo inizio.

Decido quindi di fare una scelta alternativa e non iniziare ad elencare le cose belle e quelle brutte di questo 2020 molto complesso per tutti noi. Quello che farò sarà lasciarvi dei versi, che vi raccontino un po’ di me, dei miei pensieri. Qualcuno capirà, altri, forse, no. Vi chiedo allora di lasciarvi andare alla musica delle parole, al loro rincorrersi su questo foglio, bianco mentre scrivo e ricco, alla fine del processo, di melodie che provengono dal mio cuore.

Ve le dono, con la speranza che aiutino, abbraccino, accolgano tutti coloro che, in questo fine Dicembre 2020 si sentono creature in un mondo che cambia e che, subdolamente, vuol farci credere di esser soli.

Non siamo soli. 

Sola

C’è una stanza oscura, chiusa, in un luogo sconosciuto del palazzo.

Non so dove cercarla.

Corro folle ed ubriaca.

La mia hybris si indispone.

L’arroganza dell’io ringhia frustrata

Frustando la mia curiosità.

É l’ombra tenebrosa

Il vuoto gelido che paralizza,

La solitudine che annienta.

È Natale.

Sola.

Così prepotente la vertigine da far crollare carte mal disposte

E su carta verso il mio dolore liquido

invadente, soffocante.

Sola.

Ti credi protetta da un artificio retato

Ma il pericolo è dentro, ha forme cangianti e non si prevede.

Ti confonde con ali

Assale frontale e ti sbrana la faccia.

Quelle braccia non ti hanno salvato

Inermi piangono straziate il tuo cadavere sfigurato.

Pipistrello, alato colpevole dal volto ignoto.

Buio. Sogghignante Paura.

Grotta. Amara Asfissia.

Antro. Perduto Utero.

Mi contorco dentro.

Sola,

Rincorro il fugace senso,

Perdendo la sua pluralità perché

Stordita dallo sfrigolio di un fiammifero.

Tempo di bilanci e clessidre

Clessidra

C’è un tempo che scorre

In una clessidra fatata

Eppur è fermo

È quello del ricordo

Dell’attimo incastonato come

Acqua marina cristallizzata nel suo fluire.

Fotografia: clessidra sospesa in un incanto orizzontale

Che vince il tempo

O, almeno, ce ne concede la magica

Illusione.

Vi saluto augurando a tutti noi che ci sia ancora spazio per la meraviglia, la magia, l’incontro e l’incanto che questa vita ci regalava e, voglio credere, ci donerà ancora.

Buon 2021 e, di cuore,

Grazie!

Vostra Roberta

Questo articolo ha 15 commenti.

  1. Sono pronto a girare la clessidra. Buon anno a tutti

    1. La giriamo insieme?

  2. Bellissimo sempre leggerti cara Roby …. il tuo augurio lo trovo stupendo come tutto quello che scrivi ❤️…….. grazie per avermi regalato delle bellissime letture in questo 2020 … e che il 2021 ne possa portare anche di più . 😄
    Un abbraccio con affetto sincero 🤗😘 Claudia

    1. Grazie a te, mia cara Claudia. Sei stata un meraviglioso incontro.

  3. Grazie per i versi bellissimi❤. Sempre bello leggerti. Ti auguro tanto successo ed un felice 2021🍀🍀🍀.

    1. Grazie di cuore, Maria.
      Grazie del tempo che mi dedichi.

  4. Grazie Roberta!
    Per i tuoi bellissimi versi, per le tue letture e per esserci stata in quest’anno davvero difficile.
    Speriamo in un anno migliore per tutti e per tutto!
    Un abbraccio forte! 🤗

    1. Lorella, ti abbraccio forte e ti ringrazio per queste parole.
      Spero torni presto un po’ di serenità.
      Buona serata.

  5. È sempre emozionante leggerti cara Roby ❤️❤️❤️ Nei tuoi versi trapela tutto il tuo amore per la scrittura e grazie per condividerli con tutti noi ❤️ Sei un mito ❤️

    1. Grazie a te, mia cara omonima Roby.
      È bello saperti con me 💖

  6. Meravigliose le tue scritture, le semplici parole si trasformano in sensazioni, entrando dentro di noi lettori e lasciandoci senza fiato. Il mio augurio per te cara Roby è di continuare sempre così, a fare di meglio ogni volta. Sei speciale. Un abbraccio forte

    1. Ale…che dire?
      Grazie. Parole così cambiano l’umore e la giornata.
      Grazie di cuore.
      Auguri a te, a voi.

  7. Quest’anno lo ricorderemo tutti, per sempre.
    Io lo ricorderò per le nostre videochiamate, le nostre conversazioni, le tue parole.
    Ti abbraccio forte e spero che il 2021 ci regali anche una possibilità di farlo di persona.
    ♥️

    1. Questa speranza è un sincero impegno e profondo desiderio per l’anno che sta per nascere.
      Auguri Ale
      Auguri Albe

Lascia un commento

Chiudi il menu